Carpe Koi

NISHIKIGOI - L'origine dei gioielli viventi

Una antica leggenda Cinese racconta che una coraggiosa e perseverante carpa, risalì il fiume Giallo, superando ostacoli e spiriti maligni. Gli Dei, colpiti dall'impresa, la trasformarono in un drago, donandole così l'immortalità.
La carpa KOI è il risultato fortunato del combinarsi di mutazioni spontanee di un animale addomesticato e della selezione volontaria dell’uomo volta a creare forme e colori interessanti. Con le carpe koi le tecniche di allevamento e la genetica diventano gli strumenti di un artigiano che, abbinati al talento artistico, permettono di creare ciò che giustamente viene definito come “gioielli viventi del Giappone”.


La carpa koi (鲤) più specificamente nishikigoi (锦鲤 pron. niscichigoi, letteralmente "carpa broccata") o carpa giapponese, è la varietà ornamentale addomesticata della carpa comune (Cyprinus carpio). Sono allevate per scopi decorativi in stagni all'aperto e laghetti da giardino. I colori più comuni comprendono il bianco, il nero, il rosso, il giallo, il blu e il color crema.

Le koi sono state sviluppate dalla carpa comune in Cina durante la dinastia Jìn. Le prime notizie di queste carpe (conosciute col nome generico di koi) si hanno a partire dal V secolo a.C. quando le troviamo utilizzate nell'acquacoltura.[1] La carpa giunse poi anche in Europa grazie ai traffici dell'Impero Romanoche la diffuse per la prima volta anche nelle abitazioni e nei giardini privati che disponevano di laghetti e fontane. La carpa comune è stata introdotta in Giappone attraverso la Cina nel XV secolo e da qui si iniziò la classificazione e la produzione di carpe con colorazioni differenti. Le varie tipologie vennero riunite nel 1914 a Tokyoove si tenne la prima di una serie di esposizioni annuali sull'argomento. A questo punto l'interesse per le koi esplose in tutto il Giappone e poi nel mondo.

(Fonte Wikipedia)

 

 

L'esperto Alessandro Ferrari ci parlerà di questi gioielli viventi durante due interventi presso l'auditorium.

Nel parco adiacente al Palazzo Rizzini esporrà le proprie carpe Andrea Lorini di Koi Franciacorta.

Alessandro Ferrari, nato in provincia di Brescia nel 1975, ha iniziato a coltivare la passione per le carpe KOI dal 2003; In 15 anni ha contribuito all'evoluzione degli attuali sistemi di filtraggio per rendere l'ambiente dove vivono le carpe KOI più efficiente e virtuoso. contemporaneamente è stato tra i fondatori dell'associazione "Italian Koi Club" ricoprendo la carica istituzionale di Segretario, ha contribuito attivamente a divulgare la passione per le carpe KOI ed ha sviluppato le sue conoscenze in ambito morfologico e sulla cura e salute delle carpe KOI.

Via Enrico Fermi, 43 - 25033 - Cologne (BS)
Tel. 331 6325152
Email info@koi-franciacorta.it

 



Location

EKC 2019: European Koryu Bujutsu Convention Grande esibizione di arti marziali tradizionali
via Bevilacqua 8, Cazzago San Martino
Palazzetto della Scuola Secondaria
Mostre
Palazzo del Comune
Via Carebbio 26, 25046 Cazzago San Martino (BS)
Eventi e Mostre
Palazzo Rizzini (Biblioteca e Teatro comunale)
Via Duomo 2, 25046 Cazzago San Martino (BS)

Contatti

Per qualsiasi informazione riguardante l'evento potete scrivere a info@koryukai.it

Le scorse edizioni